Studio Chaos Blog

Studio Chaos Blog

Info

STUDIO CHAOS
via Dei Cedri, 11 - Trapani - info@studiochaos.org

La psicoterapia gestaltica integrata

PsicologiaPosted by alice vulpitta Sun, October 04, 2015 14:02:02
Secondo l’approccio gestaltico, la psicoterapia è un processo di sviluppo personale, una “messa in forma” (Gestaltung). Non si tratta di raggiungere un adattamento sociale, ma di rafforzare il sé, l’originalità e la creatività che caratterizzano ogni individuo.
Questo tipo di terapia mira ad ottenere una migliore espansione del proprio potenziale latente, ad esprimere ciò che si è realmente; c’è un incoraggiamento a seguire la propria corrente personale per riuscire a raggiungere una migliore qualità della vita.smiley

All’interno del percorso terapeutico si pone l’accento sulla presa di coscienza dell’esperienza attuale, il qui ed ora, cercando soprattutto di promuovere una focalizzazione e un’espressione attiva dei vissuti emotivi e corporei. Questi processi sono in grado di attivare un maggior livello di consapevolezza nel soggetto coinvolto in un percorso psicoterapico ed aprono la strada ad un possibile cambiamento.

La Gestalt pone al centro della terapia la persona considerandola nella sua globalitàsmiley Vengono presi in esame, in una prospettiva integrata, varie dimensioni dell’essere umano: quelle affettive, quelle cognitive, sociali, sensoriali e spirituali. Al centro della relazione terapeutica c’è quindi il paziente con il suo ruolo attivo e di piena responsabilità; viene considerato come protagonistasmiley e maggior esperto della propria esperienza, accompagnato e guidato in questo percorso da un terapeuta disponibile ed affidabile (che a volte può diventare direttivo e proporsi come un “perturbatore strategicamente orientato”). È il paziente che decide autonomamente di conoscere e comprendere il proprio funzionamento e i relativi processi di adattamento all’ambiente (sia funzionali che disfunzionali) per poter poi ampliare il proprio spazio di libertà.

Il modello dunque promuove una terapia che permette al paziente di contattare ed esprimere le emozioni integrandole con l’elaborazione cognitiva (creazione di nuove reti di significato).

I tentativi di controllo o di eliminazione delle emozioni sono considerati potenziali fattori di rischio smileyche possono indurre la patologia: proprio per questo motivo all’interno di una psicoterapia è fondamentale che il soggetto impari a riconoscere e ad accettare i propri processi di bloccaggio emotivo o gli esitamenti appresi nel corso dello sviluppo. Solo attraverso la consapevolezza e l’espressione emotiva potrà esserci una mobilitazione verso il cambiamentosmiley

La “salute” psichica, come pure l’efficacia della terapia, coincide con la capacità di scegliere consapevolmente nuove modalità di adattamento, più adulte e mature, alle quali viene attribuito un significato personale. Attraverso un percorso psicoterapico dunque è possibile diventare consapevoli della propria storia di vita in senso narrativo-emozionale ed attuare nuovi comportamenti.

In sintesi, la prospettiva della Gestalt all’interno di un modello integrato è da considerarsi un processo clinico complesso al centro del quale pone il valore della persona, focalizzandosi più sulle risorse disponibili che sui fattori di distress psicologico. Si tratta di un percorso che aiuta a sviluppare lo stile personale di vita di ogni individuo, nella sua specificità e diversità; favorisce un contatto autentico con se stessi e con gli altri.smiley

  • Comments(0)//blog.studiochaos.org/#post5

Il Patto della Coppia che si rinnova

PsicologiaPosted by alice vulpitta Mon, August 31, 2015 18:17:57

“Il patto della coppia che si rinnova”

Oggi giorno ascolto di una nuova coppia che si separa, smileyanzi una “vecchia” coppia che si separa. Specifico perché le coppie, anche quelle più datate, stanno soffrendo dei nuovi mutamenti della società. La separazione, adesso più che mai, coinvolge anche mariti e mogli che stanno da parecchio tempo insieme. Mentre un tempo, la separazione era impensabile, adesso è possibile; e allora meglio scegliere la via apparentemente più facile, senza guardarsi indietro, nella fantasticata idea che altrove si troverà un nuovo amore, fantasticando la possibilità di riprovare le “farfalle nello stomaco”.

A mio modesto parere, in quanto separata, ben consapevole di ciò che si affronta durante e dopo la separazione, posso affermare che “non è tutto rose e fiori”, anzi tutt’altro!!!smiley

Ho maturato una riflessione, soprattutto a seguito di “simpatiche interviste” a familiari e amici, le coppie d’un tempo probabilmente avevano aspettative e obiettivi diversi per la coppia di adesso; era più importante rimanere con la propria moglie e con il proprio marito, era impensabile una separazione, era qualcosa come internet quando fu creato. Quando si scopre il “nuovo” che sia il cellulare, internet, l’entrata dell’euro o scoprire nuovi mondi, si pensa che sia tutto meraviglioso, ma non si tiene conto che fatta la scoperta inizia il cambiamento. È certamente impossibile prevedere tutto, ma è necessario aspettarsi tutto, del genere “spera nel meglio, ma aspettati il peggio”.

Le tantissime separazioni che avvengono ogni giorno, stanno avendo un impatto affettivo, emotivo, economico e tanto altro ancora. Impera, consapevolmente e non, la riflessione “se lo fanno gli altri, non sarà così terribile, allora lo faccio anch’io”. Certa che molte separazioni hanno davvero necessità di avvenire, molte altre, credo, potevano e potrebbero essere evitate facendo una sorta di “tagliando alla coppia”. smiley

Tutte le persone vivono cambiamenti di vario genere nella propria vita, come allo stesso modo due persone che stanno insieme. Ci si cerca di assestare a nuovi eventi, come il matrimonio, la nascita del primo figlio e del secondo, la perdita del lavoro, e tanto altro più o meno grave. Purtroppo, non sempre la coppia regge ai duri colpi che spesso nel tempo vive in prima linea. Potrebbe resistere ad alcuni di loro, ma a volte, inevitabilmente, la coppia porta con sé rancori, incomprensioni e nostalgie, che in aggiunta alla noia e alla quotidianità, rendono tutto sempre più spiacevole, anche abbracciarsi e farsi le coccole.smiley

Quest’ultimo ambito è quello che viene più ad essere influenzato, colpito e affondato. L’intimità di coppia svanisce e rimangono solamente i rimproveri, le disillusioni e l’assenza di attrazione.

E allora, che si fa?!smiley

smileyio una proposta l’avrei…

Propongo alla coppia, che ha sentore che qualcosa non stia andando nel modo sperato, oppure ad uno dei partner che dovesse essere più abile nello scorgere un futuro incerto, di pensare a quanto possa essere importante fare un bilancio, una revisione o come io spesso dico “un tagliando alla coppia”.

Riflettete sulla possibilità di fermarvi un attimo, piuttosto che correre verso una meta improbabile, visto come stanno le cose … chiudete gli occhi e … immaginatevi un luogo in cui potete comunicare in modo autentico al tuo lui e alla tua lei come si vive in questo momento; uno spazio in cui non sarete giudicati, attaccati o provocati da nessuno. Uno spazio protetto in cui ricucire vecchie ferite, guardare il vostro partner con l’amore di un tempo, ridefinendo un patto, nuovo e speciale, che può cambiare, un patto esplicito che possa essere ri-costruito e ri-definito insieme all’altro senza incomprensione e nel rispetto di ognuno di Voi.smiley

A presto.

www.studiochaos.org



  • Comments(0)//blog.studiochaos.org/#post4

La Psicologia integrata alla dieta e allo shiatsu

PsicologiaPosted by alice vulpitta Tue, August 11, 2015 12:04:50

Ancora oggi, il lavoro degli psicologi è associato ai cosiddetti “pazzi”, cioè coloro che lavorano solo con chi ha dei disturbi psichiatrici. In alcune occasioni, l’arrivo dello psicologo nella formazione, nella scuola, nelle aziende, nelle palestre, nei nutrizionisti, in centri benessere o in tutti quegli ambiti “in cui si sta bene” desta sempre paure e resistenze, come se il suo intervento fosse “inutile visto che tutti stanno bene” o preoccupante “perché forse qualcuno sta veramente male”. Scelgo di mettere tra virgolette queste frasi perché spesso sono proprio i commenti che avvengono quando si parla di psicologia in questi ambienti.

Credo opportuno, quindi, in quest’articolo fare un po’ di chiarezza!!! Iniziamo a dare alcune definizioni.smiley

Lo psicologo è un professionista che opera per favorire il benessere delle persone, dei gruppi, degli organismi sociali e della comunità. L’attività dello psicologo ha l’obiettivo di favorire il cambiamento, potenziare le risorse e accompagnare gli individui, le coppie, le famiglie, le organizzazioni in particolari momenti critici o di difficoltà. Quindi lo psicologo è un professionista che lavora anche nella saluto genesi.

Ma cosa s’intende per saluto genesi.

Il termine salutogenesi è formato dalla parola latina salus, salutis = salute, e dalla parola greca genesi = origine, inizio, derivazione. La salutogenesi si occupa quindi delle "cause" della salute. Ricercare le cause delle malattie e guarirle è necessario, ma non basta. Occorre anche conoscere e dedicarsi alle fonti della salute fisica, psichica e spirituale.

Quindi se lo psicologo, per ricercare le cause della salute, favorisce e promuove il benessere, opera anche nella saluto genesi.

Ma in che modo mi direte voi!!!!

Facciamo due piccoli esempi.

LA PSICO-DIETA. La psicologia integrata alle diete. Nessuna dieta si rivela efficace se non è accompagnata da una forte motivazione. Diversi sono i motivi che spingono ad iniziare una dieta, alcune funzionali altri molto meno, determinando quindi fallimenti o successi. Integrare il coaching motivazionale alla dieta, è una scelta vincente per raggiungere un obiettivo, per mantenerlo nel tempo, poiché lo psicologo coacher segue la persona durante la sua esperienza sostenendolo nelle fasi delicate in cui si rischia di mollare, in cui ci si trova davanti ad un bivio, in cui è necessario cambiare le proprie abitudini alimentari ed affrontare il cambiamento.

LO PSICO-SHIATSU. La psicologia integrata allo shiatsu. Quando si sperimenta un trattamento shiatsu, in aggiunta alla piacevolezza della digitopressione, emergono emozioni, pensieri, sensazioni ed energie spesso poco comprensibili. Integrare esperienze di esplorazione del proprio vissuto psicologico ai trattamenti, si ottiene che la persona riesce ad acquisire un maggiore stato di benessere comprendendo ciò che gli accade, associando un profondo senso di consapevolezza, di accettazione di sé e di equilibrio corpo-mente.

Ecco due modi di integrare la psicologia a due discipline che si occupano di benessere psico-fisico.smiley



  • Comments(0)//blog.studiochaos.org/#post3