Studio Chaos Blog

Studio Chaos Blog

Info

STUDIO CHAOS
via Dei Cedri, 11 - Trapani - info@studiochaos.org

Sapore e salute a tavola con F. La Mantia a Trapani

AlimentazionePosted by Enza Bellini Sat, November 26, 2016 09:37:26

Sapore e salute a tavola con F. La Mantia a Trapani

In genere uso questo spazio per scrivere di cibo come cura...ora invece una breve esperienza personale. Ieri mi sono svegliata trovandomi un invito all’ EVENTO presso Centro di Cultura Gastronomica Nuara: Cook Sicily - Show cooking dello chef Filippo La Mantia, con degustazione di prodotti “Il Melograno” organizzato da Panorama e Banca Mediolanum. Ospite e protagonista Filippo La Mantia e la sua sicilianità a tavola…

Sebbene le mie premesse fossero partecipare a un evento in cui si utilizzasse a tavola la melagrana, innegabile ingrediente di salute, l’approccio dello chef con la cucina e con i suoi commensali mi a affascinato e sorpreso.

Affabulatore e appassionato, in poche mosse il grande chef ha messo a tavola un piatto sano, fonte di benessere e longevità, saporito e equilibrato al gusto, che si sposa alla perfezione col mio concetto di dieta.. ovvero non una serie di precetti e regole ferree basate su vincolanti dosaggi ma istinto nella preparazione di pietanze con ingredienti scelti in base alle esigenze personali dei mie singoli clienti che preservino il piacere di stare a tavola.

Entrando nello splendido salone del centro gastronomico Nuara, oltre le teste dei numerosi partecipanti, uno schermo proiettava gli ingredienti che sarebbero stati usati per realizzare un pesto verde con cui insaporire un piatto freddo a base di semola rinvenuta:

basilico (antinfiammatorio, toccasana per l’app. cardio circolatorio per il suo magnesio, stimolanrte dell’apparato intestinale e calmente sul sistema nervoso)

polpa di 2 lime ( protettore dell’app. urinario e grazie alla vitamia C stimola il sistema immunitario)

finocchietto selvatico (regolatore intestinale e antispamodico)

mandorle bianche tostate(fonte di aminoacidi, alimento protettore dell'app. cardiocircolatorio e antiinfiammatorio)
pomodorino pachino tagliato a metà e passato in forno + triplo estratto di pomodoro(ricco di antiossidanti ad azione antitumorale)

zenzero (che dirvi riempie già tutte le nostre bacheche fb…)

alici, bottarga di tonno grattuggiata e capperi (ottimi sostituti del sale)

olio EVO VALLI TRAPANESI DOP (elisir di lunga vita e giovineezza oltre che esaltatore di sapidità oltre che esaltatore di sapidità in ogni pietanzase nelle giuste dosi)

zucca gialla in agrodolce (diuretica e alimento regolatore della funzionalità intestinale)

A grande sorpresa erano assenti sale aglio e cipolla (per me che adoro l’aglio trapanese a primo impatto è sembrata una grave mancanza)

Mentre un allegro scambio di battute accompagnava i saggi gesti dello chef, è stato realizzato un pesto passando al mix tutti gli ingredienti tranne la zucca.

Alla platea che chiedeva dosi e passaggi da seguire è stato risposto che l’importante era assecondare il proprio palato, che si traduceva con un po-un po più- un'altra aggiunta in base alla consistenza ottenutata e alla sapidità che si voleva dare al pesto. ( pe r gli assenti suggerisco di cercare sul sito panorama perché verrà realizzato un servizio sull’evento)

Finito il pesto a grande richiesta è stata portata in primo piano la semola trapanese incocciata a mano e preparata con un brodo neutro e della mollica.

Tritati e amalgamati, tutti gli ingredienti sono stati mescolati alla semola e qua un'altra chicca: per esaltare l’aspetto sensoriale è stato suggerito di mescolare diverse consistenze per aumentare l’impatto tattile: ovvero la cremosità del pesto, la morbidezza della semola e la consistenza croccante della mollica di pane duro “atturrata”(tostata) mescolata alla semola.

E parlando di sensi non si pùò trascurare la vista: la zucca gialla fritta in agro dolce col suo giallo.-arancione intenso gdai cuochi uarniva il tutto e si ti dava la sensazione di sciogliersi in bocca ancor prima dell’assaggio.

A concludere l’esperienza un buffet baroccheggiante, dietro le orme dei monsù per abbondanza e varietà dei piatti preparati, realizzato dai cuochi della struttura… insomma mi son guardata con la mia accompagnatrice e mi son sacrificata… piacevolmente… è stata la mia “Domenica” settimanale!





  • Comments(0)

Fill in only if you are not real





The following XHTML tags are allowed: <b>, <br/>, <em>, <i>, <strong>, <u>. CSS styles and Javascript are not permitted.